Co-sleeping: sono pronta a smettere…

La mia prima figlia ha dormito da subito nel suo lettino e nella sua stanza. I pochi mesi di poppate notturne, poi colichette e/o fastidi di dentizione, potevano sembrarmi durissimi solo se paragonati alla mia precedente vita di venticinquenne con il sonno di un sasso. Credevo di essere stata brava, ma sono solo stata fortunata!

Dall’arrivo di Caterina, negli ultimi 10 anni, nel mio letto c’è sempre stato qualcuno (o meglio: il letto è a due piazze, c’è sempre stato un TERZO soggetto); per addormentarsi, per riprendere subito sonno dopo l’allattamento notturno, per le coccole, per un brutto sogno, per la febbre, perché è bello stare vicini, per la compagnia e perché è meglio dormire stretti in tre piuttosto che stare svegli in (almeno) due…

I motivi per cui i miei figli sono passati nel lettone sono i più disparati e ciascuno di loro ha goduto di un periodo diverso, a seconda delle proprie esigenze e di quelle dei fratelli. Non sono rare le notti in cui l’assetto è variabile: si addormenta uno dei bambini con me, poi il papà lo porta a letto, più tardi ne arriva un altro, dopo un paio d’ore lo rispedisco in camera sua, ma solo per vederne spuntare un terzo…

Non sono mai stata una teorica del co-sleeping sì/ co-sleeping no, anzi: il termine stesso l’ho appreso da poco tempo. Prima ho solo attuato una strategia di sopravvivenza che, lo ammetto, ha anche avuto risvolti teneri e piacevoli.

Questa mattina, dopo l’ennesima notte in bilico sul bordo del letto, con il piumone che improvvisamente sparisce e finisce SOTTO a qualcuno che dorme, con il freddo nelle ossa, il mal di schiena, il sonno disturbato e frammentario, ho pensato che dieci anni di co-sleeping possono essere sufficienti: io sono pronta a smettere.

Lo saranno anche loro?

12 commenti

Archiviato in famiglia

12 risposte a “Co-sleeping: sono pronta a smettere…

  1. Guarda, dopo anni di bimbi nel lettono ora abbiamo il cane che é convinto che il co-sleeping faccia per lui, ogni sera bisogna fargli capire che quello non é il suo posto…😉
    Eh, ricordo anch’io le notti in cui si stava stretti in quattro, si stava talmente stretti che dopo un po’ uno dei due ospiti ha preferito tornare nel suo letto per dormire meglio. L’altro invece ha proseguito ancora per qualche anno. Comunque ricordo con orrore le notti di estate (caaaaldooo!) e con piacere quelli d’inverno perché era veramente come avere un piccolo termosifone sotto il piumone, che bello! Con il freddo delle ultimi notti sono quasi tentata di permettere al cane di… ma no, non si puó davvero…!

  2. Mi sento sollevata a sapere che non esiste la formula magica!!.

  3. veronica

    buon giorno
    il mio co sleeping non è ancora finito con lapiccola di due anni è quasi obbligatorio.
    mi rincuoro e mi faccio forse nel vedere che chi lo ha fatto per dieci anni è sopravvissuta. cmq cosa c’è di più bello di una MANINA gelida che durante il sonno cerca il tuo colle per le coccole?

    niente direi!?!?!?!?!!??!
    mi ricordo che una notte tutti e 4 sono venuti nel letto e io e mio marito siano finiti a dormire nei loro dalla disperazione. ………………
    un abbraccio e buona giornata
    veronica

  4. Catia

    Noi siamo solo in tre, ma da tempo (quanto tempo!?!?!?) ormai nessuno si sveglia nello stesso posto in cui si è addormentato.
    Quando questo non succede siano inevitabilmente in tre nel lettone.
    Penso: “ma sarà giusto?” e poi ” Arriverà il giorno in cui Matilde non ne vorrà proprio sapere di farsi coccolare, abbracciare nel lettone e stare stretti stretti al calduccio, per cui che se ne importa, me lo godo adesso”.

  5. bianconiglia

    Qui ormai le occasioni in cui il lettone si affolla sono sempre più rare. Però se qualcuno chiede soccorso, non lo neghiamo di sicuro: anche perché come si fa a non accogliere a braccia aperte un frugolo che ti dice “ho fatto un brutto sogno, posso venire a prendermi un po’ di coccole?”.

  6. Invece da noi il freddo ha portato un grande revival del co-sleeping part time (nel senso che Ettore passa spesso dal suo letto al mio nell’arco di una notte).
    Ultimamente, inoltre, dal momento che una delle mie gatte era raffreddata, le abbiamo permesso di dormire con noi e quindi abbiamo avuto un ulteriore ospite.
    Però anch’io lo ammetto: avere l’orsacchiotto vivo con cui addormentarsi è piacevole, se fa freddo🙂

    • perfectioconversationis

      Guarda, addormentarmi con le coccole piace anche a me, il problema sono le ore verso l’alba, quando il sonno è più leggero, la mia schiena avrebbe bisogno di potersi muovere e le coperte spariscono… Forse dovrei creare una “fascia oraria protetta” ;)!

  7. Noi abbiamo co-slippato per almeno otto anni buoni… ora da un annetto pieno (mia figlia ha nove anni compiuti a maggio) lei dorme nel suo letto, però per addormentarsi spesso utilizza ancora il lettone e poi viene gentilmente condotta (non più in braccio) nella sua stanza… ma non ho un cattivo ricordo del co-sleeping, anzi!

    • perfectioconversationis

      Infatti, non sono pronti… almeno i due piccoli, ne sono consapevole.
      Però almeno verso l’alba vorrei cercare di avere uno spazio “protetto” (emergenze incubi e malori a parte)! Sono convinta che sarei molto più simpatica durante il giorno😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...