Primi progetti di cucito

In queste ultime settimane la nostra famiglia si è data al ricamo.
Ho procurato ai bambini dei telai per poter maneggiare meglio il lavoro, ho preso della tela Aida piuttosto grezza, in modo che i buchi della trama si potessero identificare con facilità, ho fornito aghi da ricamo (quelli poco pungenti). Il mio unico contributo è stato di annodare il filo del colore che avevano scelto (lo so che il filo non andrebbe annodato… ma io ho fatto anche di peggio: ho annodato al fondo i due capi di una gugliata, affinché i bimbi ai loro primi tentativi non dovessero combattere con il filo che si sfila continuamente dall’ago).
Ciascuno era libero di scegliere il soggetto che voleva, così come ho detto loro che era bello anche fare delle semplici linee grafiche, senza un particolare soggetto da riprodurre.
Marco (5 anni) ha fatto una specie di rettangolo diviso in quadranti, Caterina (9 anni) ha voluto scrivere il proprio nome con la matita e poi seguirne il profilo. Benedetta (3 anni) invece mi dava ordini su quello che dovevo “disegnare” per lei (una bambina con un gelato e il sole…).
Giorgio in effetti è quello che ha avuto più costanza nel proseguire il suo progetto: la scritta papà, un cuore, poi mamma.

E’ stato talmente soddisfatto del suo lavoro che ho voluto bordarlo con un nastro viola e aggiungere una piccola scritta: “Ricamato da Giorgio 2010”. Ora porta il suo lavoro a scuola come tovaglietta per la merenda e mi ha detto che è felice perché sarà per sempre un suo ricordo.

Nel frattempo io mi sono cimentata nel mio primo progetto di cucito. Un piccolo trapuntino “da divano”. I colori in fotografia risultano un po’ più freddi che dal vivo e il lavoro è pieno di difetti grandi e piccoli. Però ne sono ugualmente orgogliosa: non avevo mai realizzato nulla con ago e filo, non ho neppure una macchina per cucire, quindi ho fatto tutto a mano.

L’alberello centrale è un adattamento di un progetto di Amanda Blake Soule, che si può trovare qui.
Attorno ho scritto tutti i nomi di famiglia, a partire dalle radici (in verde, i nomi di mamma e papà), via via verso i rami più alti (in grigio-azzurro, i nomi di tutti i bimbi).
Questa mattina è stato testato con soddisfazione generale nelle coccole pre-scuola. Sono tutti contenti che sia calduccio e proprio con i nostri nomi (chi non sa leggere ha voluto che indicassi con precisione dove si trovano tutti i nomi di famiglia).
Ora sarei presa dalla foga di cominciare progetti complicatissimi, non devo esagerare altrimenti inizierò un milione di cose senza finirne una sola…
Comunque ho avuto l’incarico di cucire dei vestiti per una bambola di stoffa di Benedetta (si chiama Amanda e la trovate qui, anche se quella che si può vedere è una versione più recente della nostra, purtroppo: la nostra era nuda e si potevano cambiare gli abiti, mentre la nuova versione ha gli abiti cuciti addosso e ha proporzioni leggermente diverse). Non mi resta che trovare qualche semplice tutorial, o farmi venire delle idee…
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in casa, famiglia, gioco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...